Ordine del Giorno in Consiglio Comunale “Tutela delle lavoratrici e dei lavoratori della Cisa di Faenza”

Premesso
che

  • i consiglieri
    comunali sono stati informati dai sindacati e dalla RSU dello
    stabilimento Cisa Allegion di Faenza che, ad un recente incontro a
    cui gli stessi venivano convocati a Roma presso il Ministero dello
    Sviluppo Economico, l’attuale dirigenza annunciava l’esubero di
    258 lavoratori e lavoratrici di cui 238 a Faenza e 20 a Monsanpolo;
  • la proprietà a
    fronte di tale scelta ha omesso la presentazione di un piano
    industriale;
  • a fronte di tale
    situazione, vi è il giustificato timore che questo sia solo il
    primo passo verso una delocalizzazione totale dell’azienda con la
    perdita completa dei posti di lavoro;

il
Consiglio Comunale di Faenza
esprime

piena
solidarietà e sostegno alle lavoratrici e ai lavoratori di Cisa
Allegion e alle lavoratrici e lavoratori dell’indotto, schierandosi
al loro fianco e dando completa disponibilità ad operare in ogni
direzione per il buon esito della vicenda e aderisce alla
manifestazione prevista per sabato 4 luglio alle ore 09.15 davanti
allo stabilimento CISA 2 in Via Granarolo.

Inoltre,

Chiede
al Sindaco

  • di
    attivarsi presso la Regione Emilia-Romagna, i parlamentari di
    riferimento del territorio e il Governo affinché mettano in campo
    tutte le azioni necessarie per il riconoscimento e la tutela dei
    diritti delle lavoratrici e dei lavoratori di Cisa Allegion;

Chiede
all’Unione della Romagna Faentina

  • di
    adoperarsi affinché tutte le amministrazioni locali siano coinvolte
    nelle azioni di sostegno e tutela dei posti di lavoro e di
    salvaguardia delle attività imprenditoriali del territorio

Chiede
alla Regione Emilia-Romagna

  • di
    sollecitare la proprietà Allegion a presentare il piano
    industriale, rinunciando alla ingiustificata strategia degli
    esuberi;
  • qualora
    ve ne fosse bisogno, di predisporre tutti gli strumenti necessari
    alla riqualificazione del personale coinvolto e alla condivisione
    degli incentivi per nuovi investimenti;

Chiede
al Governo

  • di
    adoperarsi presso la proprietà Cisa Allegion, affinché il 16
    luglio 2015 venga presentato un serio e approfondito piano
    industriale, che consenta l’individuazione e la condivisione di
    soluzioni diverse da quella di delocalizzare il comparto produttivo,
    evitando così il taglio del personale in esubero;
  • di
    attivarsi con immediatezza perché anche in Italia vengano approvate
    nuove norme che disincentivino e, nei casi più gravi, impediscano
    alle proprietà di delocalizzare le aziende con corrispondente
    perdita di posti di lavoro, così da rispettare il dettato
    costituzionale che fonda la nostra Repubblica sulla tutela e la
    dignità delle lavoratrici e dei lavoratori

VOTATO ALL’UNANIMITA’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...