3C Casalinghi – in 15 in esubero

image

A inizio anno ha iniziato ad operare la nuova cooperativa nata sulle ceneri di 3C Casalinghi. Nella nuova cooperativa non sono stati ricollocati 15 lavoratori che quindi si sono visti recapitare la lettera di licenziamento. Nell’esprimere grande vicinanza e solidarietà a queste persone e famiglie, pubblico il testo della lettera pervenuta ai Consiglieri Comunali. Vi informo che mi sono stati forniti i recapiti dei dipendenti licenziati quindi se qualcuno avesse modo di dargli un futuro lavorativo mi contatti e vi metterò in contatto con loro.  (la mia mail è: cocco.nb@gmail.com )

“Siamo arrivati all’epilogo, dopo mesi di bugie e prese in giro da parte della dirigenza 3C, che più volte ha provato a smentire i nostri timori di perdere il posto di lavoro, facendo pubblicare il falso sui giornali, nascondendosi dietro il nome dei sindacati, senza nemmeno avere la decenza di metterci la loro faccia,il 4 gennaio 2016 ci sono state recapitate le lettere di licenziamento.
Per tutto il 2015 hanno continuato a scaricare colpe su chiunque: prima sulla Mercatone Uno, poi sui relativi commissari, poi sul liquidatore e infine, per quanto riguarda il nostro licenziamento, sul nuovo socio entrante, come se tutto quello che ė accaduto sia dipeso solo ed esclusivamente da cause esterne. Beh si sono dimenticati di dire che ci hanno messo anche del loro con un modo di agire, durante tutto l’anno, a nostro parere, alquanto approssimativo e che però è stato sicuramente funzionale per il raggiungimento di un loro vecchio scopo, che ci palesarono anni fa, cioè licenziare tutti i magazzinieri e obbligare chi voleva restare a farlo tramite una cooperativa in modo da non avere più problemi con eventuali dipendenti.
A tale proposito vorrei sottolineare che grazie alla presa di posizione di alcuni di noi che si sono messi in testa di fare valere i nostri diritti, portando a conoscenza dei fatti i cittadini tramite i giornali e partecipando al consiglio comunale dello scorso 28 novembre, dove ci fu scattata una foto(ricordatevela) mentre eravamo in prima fila,abbiamo ottenuto di fare assumere chi resterà dalla Coop Facchini di Faenza con la quale abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto di lavoro. Ora so già che proveranno a smentirci anche questa volta (toccherebbero veramente il fondo), dicendo che hanno assunto più persone possibili e che gli esclusi hanno rifiutato volontariamente la cooperativa ma la realtà è che, a parte un paio di persone che si sono auto escluse per il disgusto provato, dovuto al trattamento ricevuto dalla dirigenza, cioè coloro che ci dicevano che “eravamo tutti una famiglia”, tutti gli altri sarebbero anche stati interessati a trattare, ma siccome sono presenti nella sopracitata fotografia, non sono nemmeno stati presi in considerazione e non gli è stata data nessuna possibilità di scelta. Facciamo presente che all’apertura della 3C Casa l’11 gennaio c’erano al lavoro in magazzino, oltre ai nostri ex colleghi che hanno ceduto al ricatto, anche sei o sette elementi di un’altra cooperativa, che costa meno, al nostro posto. Tutto questo probabilmente per dimostrare la loro coerenza fino in fondo!
Ci avevano detto che chi avesse accettato la Coop avrebbe avuto lo stesso trattamento contributivo e invece sono stati in parte declassati. Tutto questo lo hanno fatto negando un incontro richiesto dai sindacati il 29 dicembre proprio per negoziare i contratti! Complimenti! Ci avevano detto che avrebbero richiamato almeno dieci di noi e invece ne hanno richiamati solo sette; va bė in definitiva un mucchio di balle, come al solito, e questi sono i presupposti per la partenza di un nuovo ciclo lavorativo!
Detto questo ringraziamo tutti i giornalisti che ci hanno pubblicato e i lettori che in questi mesi hanno sopportato i nostri sfoghi e ringraziamo allo stesso modo il Sindaco,la giunta comunale e tutti gruppi consigliari per essersi interessati a noi.
Chiudiamo dicendo che noi sicuramente ne usciamo a testa alta, ma la nostra dirigenza? Ciao a tutti e grazie per la solidarietà dimostrataci e vi ricordo che noi siamo 15 disoccupati e se qualcuno ha modo di ricollocarci, ė il benvenuto!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...