Cosa vide Dante a Faenza che possiamo ancora vedere?

Una gita alla scoperta di una Faenza insolita

La mattina del 14 settembre 1321, 700 anni fa, il mondo e Faenza si svegliarono senza Dante Alighieri. Era morto nella notte a Ravenna all’età di 56 anni a causa della malaria.

Non è certo, anche se è molto probabile, che Dante sia venuto a Faenza, sicuramente la conosceva bene e conosceva anche le nefandezze dei suoi abitanti: frate Alberico Manfredi è l’ultimo dannato che incontra all’Inferno.

Faenza agli inizi del 1300 era molto diversa, molto più piccola. Ad esempio la porta di Tebaldello che “aprì Faenza quando si dormia” si trovava in corso Mazzini poco prima della Loggia degli Infantini. Santa Maria Vecchia, Sant’Ippolito, Sant’Andrea (ora San Domenico), San Francesco erano fuori dalle vecchie mura.

Come si presentava la città nel 1300

Di quella città rimane davvero poco, Faenza si stava preparando a quell’impulso innovatore, culturale e urbanistico, che diede origine all’impostazione della città che conosciamo oggi.

Se Dante venne nella nostra città è probabile che visitò la tomba di San Pier Damiani, morto nel 1072 in odore di santità nel convento di Santa Maria Foris Portam (S.M. Vecchia). Questo, come il convento di Sant’Ippolito (e Lorenzo), erano monasteri Camaldolesi.

La riforma della regola benedettina adottata da San Romualdo, Ravennate e fondatore dell’ordine di Camaldoli, è affine all’idea di chiesa che esprime Dante e San Pier Damiani, anche lui Camaldolese nel convento di Fontavellana, è il protagonista del XXI canto del Paradiso, trovando riferimenti della sua dottrina e dei suoi scritti.

L’arca contenente le spoglie di San Pier Damiani oggi conservata in Duomo

1) Dell’antico convento di Santa Maria Foris Portam, il cui primo riferimento scritto è del 740 DC, rimane solamente il grandioso campanile ottagonale (IX-X secolo) che all’epoca doveva notevolmente spiccare nello skyline. La torre è composta da due strutture, una interna cilindrica ed una esterna ottagonale, che si sorreggono vicendevolmente.

L’antico campanile ottagonale di Santa Maria Vecchia

2) Come per il complesso precedente anche a Sant’Ippolito rimane poco, essendo stati la chiesa e il convento rimaneggiati diverse volte nei secoli. C’è però un piccolo gioiello: la cripta del XII secolo, forse la prima chiesa, antecedente al mille e divenuta cripta con la costruzione di un nuovo edificio. La cripta è una struttura davvero particolare, a tratti misteriosa e che stimola una grande curiosità.

Interno della cripta della chiesa dei Santi Ippolito e Lorenzo

3) Il Palazzo del Podestà risale al XII secolo, ma Dante faticherebbe a riconoscerlo. È difficile immaginarsi la struttura originaria della quale rimane praticamente solo il Salone dell’Arengo, inglobato da un lato dal loggiato e dall’altro privato delle restanti parti.

Palazzo del Podestà, affaccio su piazza Martiri della Libertà

4) San Bartolomeo o Chiesa dei Caduti è un esempio di quell’architettura romanica quasi standardizzata che vide diverse realizzazioni assai simili tra loro e di cui restano questa e l’identica San Lazzaro sulla Via Emilia. Di San Bartolomeo si conosce la data esatta di fondazione, tramandata da un’antica iscrizione: 1209.

La facciata della chiesa di San Bartolomeo
Abside e campanile di San Bartolomeo

5) La chiesetta di San Lazzaro del XI-XII secolo era collegata ad un ospedale che fungeva da lazzaretto per i lebbrosi che entravano a Faenza.

La facciata della chiesa di San Lazzaro, si noti la somiglianza con la coeva chiesa di San Bartolomeo
Abside di San Lazzaro, questa chiesa, come San Bartolomeo sono oggi templi dedicati ai caduti rispettivamente della strada e delle guerre

6) La Chiesa della Commenda come appare oggi va datata intorno al 1100 ed era un ospizio per i pellegrini diretti in Terra Santa. Alcuni absidali ancora visibili fanno supporre la precedente esistenza di un piccolo oratorio. Il Borgo, di Sant’Antonino, diventerà Durbecco, da un antico toponimo, nel 1800.

Facciata della Commenda

Concludo ringraziando Dante che mi ha spinto in questo viaggio indagando una Faenza misteriosa e assai interessante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: